Un ortaggio considerato troppo pesante da digerire: eppure il peperone è un alimento ricco di interessanti proprietà a cui non si dovrebbe rinunciare.

COME RENDERLO DIGERIBILE

Esistono dei piccoli trucchi per renderlo più digeribile:

  • passarli in forno per circa tre quarti d’ora, avendo cura di girarli a metà cottura. Questo è il modo più semplice per riuscire a rimuovere la buccia ricca di cellulosa, tra le principali cause della difficoltà di digestione di questi ortaggi: una volta estratti dal forno e rimossa quest’ultima, sarà possibile procedere a prepararli nel modo che si preferisce.
  • tagliandoli in senso orizzontale anziché verticale, questi ultimi diventino più digeribili in quanto si vanno a spezzare i legami della cellulosa tanto ostica per il nostro apparato digerente
  • Ovviamente è sconsigliata la frittura del peperone in padella.

VITAMINE A VOLONTÀ

  • Vitamina C: in quantità fino a 4 volte superiori rispetto agli agrumi; se consumati crudi, sono in assoluto gli alimenti con maggiore contenuto di questa vitamina. Innegabili quindi le proprietà antiossidanti che derivano dal loro consumo.
  • Notevoli quantità di betacarotene, precursore della Vitamina A e utile dunque per il benessere di pelle e vista, oltre a presentare anch’esso proprietà antiossidanti. La quantità di questa sostanza aumenta quanto più il colore del peperone tende al rosso.

SALI MINERALI IN QUANTITÀ

  • Potassio: utile in particolare per il benessere delle ossa nelle donne in menopausa
  • Magnesio: indispensabile per la buona salute del sistema nervoso

FIBRE E ACQUA

Risulta poi particolarmente interessante il contenuto di fibre, le quali oltre a facilitare il transito intestinale e la digestione aumentano il senso di sazietà e contribuiscono a ridurre i livelli di colesterolo cattivo nel sangue.
Anche l’acqua è presente in percentuali che superano il 90% del peso dell’ortaggio.

PROPRIETÀ

1. Riducono i livelli di colesterolo
Le fibre contenute nei peperoni, limitando l’assorbimento dei grassi nell’intestino, contribuiscono a ridurre i livelli di colesterolo cattivo nel sangue.

2. Antiossidanti
Le proprietà antiossidanti dei peperoni derivano principalmente dal contenuto di vitamina C e di betacarotene, nonché dalla presenza di altri carotenoidi come il licopene, per migliorare l’assorbimento del quale è consigliato abbinare il consumo dei peperoni a un filo di olio extra vergine d’oliva.

3. Anti-stipsi
L’elevato quantitativo di fibre rende questi ortaggi l’ideale per superare piccoli problemi di stitichezza.

4. Favoriscono la funzionalità del fegato
La presenza della solanina svolge un’azione stimolante a livello del fegato, in quanto favorisce la produzione della bile.

5. Diuretici
La presenza del potassio rende i peperoni, quelli verde in special modo, degli ortaggi in grado di stimolare la diuresi e quindi dalle proprietà depurative.

VERDI, GIALLI O ROSSI?

Se la maggior parte delle caratteristiche nutritive dei peperoni non varia a seconda del grado di maturazione, vi sono però sottili differenze tra le diverse tipologie.

  • Verdi: sono raccolti in anticipo e hanno un gusto più acidulo. Hanno maggiori proprietà diuretiche e depurative, però sono i più difficili da digerire.
  • Gialli: hanno la polpa più carnosa e maggior contenuto di Vitamina C.
  • Rossi: raccolti all’apice della maturazione, sono i più sazianti e la loro polpa croccante li rende ideali per il pinzimonio.

 

Queste informazioni hanno carattere puramente divulgativo e non sostituiscono in alcun modo il consiglio del medico. I curatori di queste informazioni non si assumono alcuna responsabilità per eventuali conseguenze derivanti da un uso diverso da quello puramente divulgativo.