Ricco di proprietà benefiche, lo zafferano è utile per contrastare i disturbi dell’umore e i crampi allo stomaco. È considerata la spezia più costosa al mondo, ma ne basta pochissima in cucina per arricchire i piatti.

Lo zafferano è una spezia ricca di gusto e proprietà, che si ricava dagli stigmi del fiore Crocus Sativus, appartenente alla famiglia delle Iridaceae. Si tratta di una piccola pianta erbacea originaria dei paesi asiatici e coltivata in Grecia, Spagna e Italia, dove esistono colture estese in Abruzzo, Sardegna, Umbria, Toscana e Marche. La pianta presenta un bulbo da cui si sviluppa il fiore violaceo, è proprio qui che si trovano i tre lunghi stimmi dal colore rosso-arancione i quali, dopo essere stati essiccati, vengono usati come spezia.

È molto costoso a causa del processo di produzione lungo e difficile, infatti per ottenere un kg di zafferano sono necessari ben 200.000 fiori, con un minimo di 500 ore di lavoro. È molto usato in cucina per arricchire piatti come i risotti, ma sono molti anche i suoi utilizzi non culinari.

Proprietà nutrizionali e terapeutiche

  • 100 g di zafferano contengono 310 kcal, con 65,37 g di carboidrati, 11,43 g di proteine e 3,9 g di fibra alimentare.
  • Ma soprattutto è uno degli alimenti più ricchi di carotenoidi (crocetina, α-crocina, picrocrocina e safranale) che conferiscono il tipico colore giallo-oro alle pietanze, e vitamine A, B1, B2 e B6.

È proprio grazie a questi componenti che lo zafferano può vantare numerose proprietà terapeutiche.

Forse il più interessante fra tutti è il safranale!

  • È in grado di influenzare positivamente l’attività cerebrale, utile quindi nel trattamento dei disturbi dell’umore, come sedativo. Infatti, regolando la produzione di alcuni neurotrasmettitori cerebrali responsabili del tono dell’umore (come la dopamina, la noradrenalina e la serotonina), è in grado di placare l’ansia, lo stress e la depressione. Ma agisce anche come antispasmodico e con attività antielmintica.
  • È efficace anche contro il mal d’auto. Recenti studi hanno, infatti, evidenziato che lo zafferano possiede proprietà e benefici sulla parte del sistema nervoso che regola i recettori sensoriali del movimento dei muscoli e delle articolazioni, esercitando un’azione calmante, che induce uno stato di rilassamento muscolare.

La spezia più ricca di benefici

  • Regola il tono dell’umore. Come abbiamo detto, lo zafferano agisce sul sistema nervoso con effetti positivi sull’umore. Lo dimostra uno studio in cui l’integrazione di zafferano ha migliorato significativamente i sintomi della depressione in adulti colpiti da disturbo depressivo maggiore (gli effetti sono stati paragonabili a quelli ottenuti con antidepressivi).
  • Riduce i sintomi della sindrome premestruale, come i tipici sbalzi d’umore, grazie al safranale e alla crocina, e contrasta i dolori mestruali. Ma lo zafferano sarebbe anche un buon regolatore del ciclo mestruale, a volte caratterizzato da ritardi o assenza del ciclo. Per ottenere questo effetto se ne può sciogliere un pizzico in una tazza di latte caldo, da bere la sera con poco miele.
  • È benefico per l’apparato gastrointestinale. Lo zafferano ha proprietà antispasmodiche ed è in grado di prevenire l’ulcera gastrica. Inoltre lo zafferano aiuta ad eliminare i gas intestinali.
  • Allevia i sintomi del mal d’auto, un disturbo molto diffuso, che condiziona negativamente i nostri viaggi. Recenti studi hanno infatti evidenziato che l’assunzione di zafferano per il mal d’auto allevia i sintomi più frequenti, come cerchio alla testa, nausea e irritabilità. Per usufruire di questa proprietà, consigliamo l’assunzione mediante infusi:

Tisana allo zafferano

  • I suoi carotenoidi sono tra i pochi solubili in acqua e si estraggono facilmente con la bollitura.

Mettere una punta di un cucchiaino di zafferano in polvere in una tazza d’ acqua, portare a ebollizione e lasciare riposare per una decina di minuti. Se si aggiunge un cucchiaino di miele, si ha un ottimo infuso calmante e distensivo da bere prima di affrontare un viaggio.

Integratori

Per godere al meglio delle proprietà dello zafferano sono molto utili gli integratori, i quali arrivano a contenere circa 30 mg di estratto secco di zafferano. In questo caso l’estratto secco titolato in safranale e crocina sarà di circa 0,6 mg.

Studi in cui sono stati somministrati 30 mg di estratto di zafferano in capsule per 6 settimane, hanno dimostrato una riduzione significativa della depressione, e hanno confermato un attività anticonvulsivante nell’estratto di zafferano.

Attenzione però, è stato verificato che gravi effetti collaterali possono verificarsi con l’assunzione di soli 5 grammi (circa 3 volte la dose massima da utilizzare nei trattamenti medicinali) di zafferano, e si possono verificare effetti collaterali letali con l’assunzione di soli 20 grammi.

 

Queste informazioni hanno carattere puramente divulgativo e non sostituiscono in alcun modo il consiglio del medico. I curatori di queste informazioni non si assumono alcuna responsabilità per eventuali conseguenze derivanti da un uso diverso da quello puramente divulgativo.