A Maggio la primavera è appena esplosa con tutti i suoi profumi e i suoi colori. Le giornate si allungano e il sole e la pioggia si alternano permettendo alla natura di essere rigogliosa. In questo mese così fertile è possibile trovare sui banchi del mercato primizie e ortaggi freschi e ricchi di acqua. Vediamo la frutta, la verdura e le erbe di stagione.

Frutta e verdura di stagione

Di seguito qualche consiglio su quali alimenti di stagione prediligere nel mese di Maggio e sui benefici che possiamo trarre dal loro consumo.

Asparagi

  • Sono ricchi di fibre, sali minerali e vitamine, in particolare la B12 e acido folico svolgendo un’azione protettiva sul sistema nervoso. L’azione diuretica e depurativa è la caratteristica più apprezzata di questa verdura. È molto utile nella stagione primaverile per eliminare le scorie accumulate durante l’inverno. Questa capacità è dovuta al contenuto di purine, che vengono convertite in acido urico, il quale favorisce l’eliminazione dei liquidi in eccesso attraverso l’urina aiutando a ridurre il gonfiore addominale e a contrastare la cellulite. Infine gli asparagi hanno anche effetti positivi sulla flora batterica intestinale, aumentando la quantità di batteri “buoni”.

Fave

  • Questo legume è il tipico spuntino delle scampagnate di Maggio. Sono ottime consumate fresche con il pane o gustate con un pezzo di buon pecorino. Apportano molte fibre, utili per combattere la stipsi, e acqua che favorisce la diuresi e la depurazione dell’organismo. Il loro basso contenuto di grassi (0,5%) e lo scarso apporto calorico (70 calorie per 100 gr di prodotto fresco) le rendono perfette durante le diete ipocaloriche. Le fave sono ricche di vitamine come la C, la A e le B e di ferro. Le fave però vanno assolutamente evitate se si è affetti da favismo.

Tarassaco

  • Tipico fiore primaverile dal caratteristico colore giallo, il dente di leone. È facile da riconoscere e raccogliere, insieme alle sue foglie, durante le passeggiate sotto il sole primaverile. Lo si può mangiare in insalata o fare un decotto con le radici essiccate. È un ottimo diuretico in quanto favorisce l’eliminazione di liquidi in eccesso grazie al potassio e ai flavonoidi che contiene nelle foglie. Inoltre svolge un’azione depurativa per via degli alcoli triterpenici che favoriscono la funzionalità epatica, biliare e renale permettendo all’organismo di svolgere al meglio le sue funzioni depurative.

Nespole

  • Questo frutto è originario dell’Asia, dal tipico sapore dolce e asprigno. È composto per l’87% di acqua, è perfetto per le diete in quanto contiene solo 30 calorie per 100 gr ed è ricco di fibre, tra cui l’acido formico che aumenta il senso di sazietà. Il contenuto di pectina della buccia aiuta contro la stipsi, favorendo l’eliminazione delle tossine, e riduce il rischio di tumore al colon. Le nespole sono benefiche anche per la salute degli occhi perché contengono molta vitamina A che svolge un’azione protettiva sulla retina contrastando l’azione dei radicali liberi.

Ciliegie

  • Una primizia che troveremo anche più facilmente nei mesi successivi. Questo frutto dalla polpa zuccherina e carnosa inizia a maturare da metà mese. Oltre a un buon contenuto di vitamine e sali minerali, vanta proprietà antiinfiammatorie dovute alle antocianine, molto utili per il dolore e l’infiammazione articolare o in caso di gotta. Il consumo di ciliegie aiuta a mantenere sotto controllo la glicemia perché contengono il levulosio, uno zucchero a basso indice glicemico (viene assorbito lentamente dall’organismo), oltre che a ridurre il colesterolo nel sangue per la presenza di sostanze antiossidanti. Ma le loro proprietà sono molteplici, tanto che vengono utilizzate, per il loro potere diuretico, per preparare tisane e infusi utili a combattere cistiti e infiammazioni urinarie.