Il sedano è conosciuto fin dai tempi degli antichi Egizi per le sue proprietà officinali. Ricco di vitamine e sostanze antiossidanti viene oggi molto studiato e considerato alla stregua di un supercibo grazie alle sue caratteristiche che lo rendono un ottimo antiage. Vediamo le proprietà del sedano e i benefici che questo superfood apporta all’organismo.

Cosa contiene il sedano

Il sedano è una pianta erbacea dal sapore forte e dolciastro, viene utilizzato solitamente in cucina per il soffritto, assieme a carota e cipolla, o per dare più sapore alle zuppe ma negli ultimi anni se ne sta riscoprendo il valore nutritivo e benefico.

L’estratto di sedano vanta infatti numerose proprietà a partire dal suo ricco contenuto di

  • Sali minerali – sodio, potassio, fosforo, calcio, magnesio, fluoro e selenio.
  • Vitamine – vitamina A, B3, B5, B6, vitamina C, vitamina E e la K.
  • Antiossidanti – luteina, zeaxantina e beta-carotene che proteggono dall’invecchiamento precoce.
  • Olii essenziali – che gli conferiscono il caratteristico profumo e che hanno azione calmante, favorendo il rilassamento nervoso.

Grazie a queste sue caratteristiche e alle sue bassissime calorie (16 kCal per 100 gr) è indicato nelle diete ipocaloriche, oltre che ottimo come spuntino perché grazie al suo alto contenuto di fibre (2 gr su 100 gr) aumenta il senso di sazietà e rallenta l’assorbimento dei grassi aiutando a controllare la glicemia.

Proprietà del sedano

Il sedano apporta benefici in tutto l’organismo, agendo in molteplici modi.

  • Digestivo. Grazie al suo alto contenuto di acqua e fibre favorisce la motilità intestinale e riduce la produzione di gas. Inoltre protegge la mucosa gastrica e diminuisce la produzione di acidi gastrici dando benefici in caso di ulcere e gastriti.
  • Antiage. Contiene numerosi flavonoidi, come l’apigenina che svolge un’azione protettiva nei processi di invecchiamento cellulare e che, grazie alla sua azione antiinfiammatoria, rallenta la degradazione del collagene mantenendo la pelle elastica. Inoltre questo flavonoide, insieme alla luteolina, contribuisce a rallentare l’invecchiamento cellulare attivando i geni Sirt coinvolti nei meccanismi della longevità.
  • Depurativo. Questo effetto è dovuto al contenuto di potassio e di sodio che favoriscono la diuresi e l’eliminazione delle scorie. Inoltre, il sedano, con la sua azione diuretica, contribuisce all’abbassamento della pressione sanguigna e combatte la ritenzione idrica.
  • Antiossidante. Il sedano oltre alle vitamine K, C ed A dal noto potere antiossidante, contiene numerose altre sostanze che proteggono dall’azione dei radicali liberi. Ad esempio la quercetina, il campferolo e le furanocumarine che aiutano nella prevenzione del cancro, in particolare di quello al seno e al pancreas. La molecola più interessante però è l’apiina che è capace di attivare due dei più importanti antiossidanti del nostro corpo, la superossido dismutasi e il glutatione, che contribuiscono alla protezione di cuore, reni e fegato.
  • Antireumatico. Il sedano contiene più di 20 sostanze con azione antiinfiammatoria. In particolare il poliacetilene allevia i dolori di gotta, artrite reumatoide e reumatismi.

Crudo, cotto e nei centrifugati

Grazie alle sue azioni mirate e alla sua capacità di contrasto dell’invecchiamento cellulare di tutto il corpo, il sedano è considerato alimento importante per la prevenzione di malattie croniche o tipiche dell’età avanzata.

Per questo si consiglia di aggiungerlo alla propria alimentazione. Va consumato possibilmente crudo o cotto al vapore, per mantenerne le caratteristiche nutritive più importanti. Oppure si può preparare un ottimo estratto rinfrescante, anche come bevanda giornaliera.

Molto diffuso è infatti il suo utilizzo in centrifugati di verdura e frutta dalle diverse proprietà, in questo modo il suo sapore forte, che può non piacere, viene ben equilibrato diventando un drink piacevole e salutare.