Il colesterolo è un elemento fondamentale per il corretto funzionamento del nostro organismo.

È una molecola utilizzata come elemento strutturante della membrana cellulare di tutte le cellule del nostro organismo, come precursore nella sintesi degli ormoni steroidei (come estrogeni e testosterone ad esempio), della vitamina D, preziosa per la salute delle ossa, e degli acidi biliari, indispensabili per la digestione.

In quanto elemento essenziale, può essere assunto con la dieta, attraverso l’assunzione di grassi di origine animale, ma viene prevalentemente prodotto dal nostro organismo, in particolare dal fegato.

Tuttavia livelli elevati di colesterolo nel sangue (in particolare delle lipoproteine LDL che trasportano il comunemente detto “colesterolo cattivo”) concorrono all’innalzamento del rischio cardiovascolare, con la possibilità di sviluppo di patologie quali l’aterosclerosi. Infatti, accumulandosi nei vasi sanguigni, il colesterolo porta a una reazione infiammatoria con la formazione di placche che, occludendo il vaso, possono portare a diversi eventi cardiovascolari come ictus, infarto, aneurisma, fino alla morte per blocco cardiocircolatorio.

Una dieta che riduce il colesterolo

Il primo passo nel controllo dei livelli di colesterolo è rappresentato da una maggiore attenzione alla dieta: una dieta sana e varia, che predilige l’assunzione di grassi vegetali rispetto a quelli animali (ad esempio utilizzando l’olio di oliva rispetto al burro) permette di controllarne i livelli riducendo i rischi per la salute.

È consigliabile inoltre associare ad essa una sana e costante attività fisica.

Sostanze naturali che controllano i livelli di colesterolo

Nel qual caso queste attenzioni non fossero sufficienti a ridurre i livelli di colesterolo totale al di sotto dei 200 mg/dl, è possibile, dietro consiglio medico, assumere sostanze naturali in grado di aiutare il nostro organismo a controllarne l’assorbimento intestinale e la sua produzione endogena. Tra queste sostanze possiamo evidenziare

  • Riso rosso fermentato: un particolare processo di fermentazione di questo riso da parte di un fungo, il Monascus Purpurus, porta alla produzione di una molecola, detta Monacolina K, che agisce a livello epatico attraverso l’inibizione competitiva dell’enzima HMG-CoA e riducendo in questo modo la sintesi del colesterolo. A partire da questa molecola di origine naturale sono successivamente state prodotte le ben note statine, farmaci sintetici ad azione ipocolesterolemizzante.
  • Melannurca: varietà di mela tipica della Campania, ricca di un tipo di polifenoli dagli effetti terapeutici, le procianidine, che il frutto produce per proteggersi dai parassiti. La Annurca ne produce in quantità di molto superiori ad altre varietà di mela a causa del particolare processo di maturazione a cui viene sottoposta. Raccolta acerba, acquista il suo tipico colorito rosso riposando 30 giorni sulla paglia dove parassiti e funghi abbondano stimolandola a produrre in gran quantità le procianidine. Oltre ad avere un effetto fortemente antiossidante, queste hanno dimostrato una notevole capacità nel ridurre i livelli di colesterolo totale ed LDL ed inoltre nell’aumentare i livelli di colesterolo buono HDL
  • Fitosteroli o Steroli vegetali: sostanze presenti nei semi di molti vegetali. Hanno struttura simile al colesterolo e proprio per questo entrano in competizione con quest’ultimo per l’assorbimento a livello intestinale così, diminuendo il colesterolo assorbito, riducono i livelli di colesterolo totale e colesterolo LDL nel sangue, mentre lasciano invariati quelli di colesterolo HDL.
  • Policosanoli: sostanze naturali estratte dalla canna da zucchero che svolgono un’azione ipocolesterolemizzante agendo su un enzima epatico che regola la sintesi del colesterolo nel nostro organismo. Riducono la formazione di colesterolo LDL, aumentando invece l’HDL. Inoltre con la propria caratteristica antiossidante riducono l’infiammazione dovuta all’accumulo di LDL a livello vascolare, l’aggregazione piastrinica, il rischio di trombi e più in generale il rischio cardiovascolare.
  • Gamma orizanolo: sostanza estratta dall’olio di crusca di riso. Diminuisce i livelli di colesterolo limitandone l’assorbimento e promuovendone la trasformazione in acidi biliari.

In conclusione possiamo dire che per evitare l’aumento di colesterolo totale ed LDL è bene seguire una dieta varia ed equilibrata oltre a praticare una costante attività fisica. Se questo non fosse sufficiente è possibile, dietro un consulto medico, assumere sostanze naturali specifiche che possano aiutare l’organismo a ridurre il livello di colesterolo dannoso.

 

Queste informazioni hanno carattere puramente divulgativo e non sostituiscono in alcun modo il consiglio del medico. I curatori di queste informazioni non si assumono alcuna responsabilità per eventuali conseguenze derivanti da un uso diverso da quello puramente divulgativo.