Per fronteggiare la stagione fredda, evitando raffreddori e influenze, una cosa fondamentale da curare è l’igiene della propria casa. Ecco come igienizzare la casa seguendo poche e semplici accortezze per mantenerla pulita e sicura per la salute di tutta la famiglia.

Una casa pulita e sicura per la salute

Per mantenere un ambiente sano in casa la prima regola è pulire bene le superfici. Oltre a spolverare spesso e lavare a fondo bagno e cucina. Per farlo si ricorre solitamente a prodotti specifici che si comperano al supermercato. Molti di questi, però, contengono e rilasciano agenti chimici che possono essere dannosi per l’ambiente e per la nostra salute.

In alcuni casi questi prodotti non sono sostituibili facilmente con prodotti del tutto naturali. Ma per alcune operazioni di pulizia è possibile utilizzare ingredienti naturali, solitamente utilizzati a scopo alimentare, e che si trovano facilmente in ogni dispensa.

Come igienizzare la casa con prodotti naturali

  • Bicarbonato. Spesso utilizzato nel frigorifero come assorbi odori. Può essere utilizzato anche come agente sbiancante nella pulizia del bagno, dei pavimenti e della cucina, oltre che per pulire tappeti e argenteria.
  • Aceto di vino bianco. Anticalcare naturale, deterge e elimina i cattivi odori oltre ad avere potere sgrassante. Può essere utilizzato in lavatrice al posto dell’ammorbidente e per pulire le superfici del bagno. È ideale, diluito in acqua, per pulire e detergere le pareti del frigorifero in quanto non rilascia residui chimici. È bene evidenziare che ha solo azione disinfettante, non igienizzante.
  • Tea Tree oil. L’olio essenziale di malaleuca oltre a poter essere utilizzato per l’igiene personale, può anche essere usato per la pulizia delle superfici, come piastrelle e sanitari. Basta sciogliere 15 gocce di Tea Tree Oil in 1 litro d’acqua per avere un’azione igienizzante.
  • Fondi di caffè. I fondi di caffè sono ottimi per eliminare gli odori. Ad esempio è possibile strofinarli sulle mani dopo aver maneggiato alimenti che lasciano odore, come l’aglio o il pesce. Oppure possono essere utilizzarli come deodorante naturale nel frigorifero mettendoli in un barattolo di vetro senza tappo.
  • Olio di oliva. Utile da utilizzare al posto della cera per pulire il legno e ridargli vitalità. Dopo aver diluito l’olio con un po’ d’acqua, e averlo profumato con qualche goccia della propria essenza preferita, lo si stende sulla zona da pulire con un panno morbido. Infine, dopo cinque minuti, si passa alla lucidatura con un panno pulito.

Come avere una casa igienizzata e sicura

È bene avere delle accortezze per ridurre il più possibile l’introduzione dall’esterno di sporco e di germi.
Vediamo insieme pochi e semplici accorgimenti per ridurre la possibilità dei microorganismi di proliferare negli ambienti domestici:

  • Arieggiare spesso le stanze. È importante aprire spesso le finestre per far cambiare l’aria negli ambienti domestici. Infatti l’aria viziata e l’umidità che si crea dopo aver fatto una doccia, dopo aver cucinato o steso i panni, è l’ambiente ideale per la proliferazione microbica. Per migliorare la qualità dell’aria basta aprire le finestre per 5 minuti ogni tre o quattro ore, spalancandole bene. In questo modo si evitano anche consumi energetici inutili, che si avrebbero tenendo le finestre aperte per troppo tempo con conseguente raffreddamento degli ambienti.
  • Eliminare la polvere. Anche spolverare spesso casa aiuta a eliminare acari e batteri che vi si annidano. Ma la polvere si deposita anche su cuscini, divani, tappeti e tende. È bene allora lavarli spesso o batterli all’aria aperta con il battipanni per togliere il grosso della polvere e rinfrescarli. Senza dimenticare di pulire spesso anche sopra gli armadi e sotto letti e mobili che vengono spostati raramente.
  • Togliersi le scarpe. Le scarpe dovrebbero essere tolte immediatamente prima di entrare in casa perché con loro calpestiamo marciapiedi, pozzanghere, fango. Per questo sono un vero e proprio ricettacolo di germi che è meglio lasciare fuori di casa, o immediatamente nella scarpiera, infilandosi subito le ciabatte.
  • Cambiarsi i vestiti. Come le scarpe anche i vestiti che indossiamo per andare al lavoro e uscire si sporcano. Nel tessuto si annidano i germi che accumuliamo durante la giornata e gli spostamenti sui mezzi pubblici. Cambiandoci una volta rientrati in casa e utilizzando dei vestiti appositamente per l’ambiente domestico evitiamo che questi germi si trasferiscano ai tessuti del divano e delle lenzuola.
  • Igienizzare le superfici e gli oggetti. Lo stesso discorso fatto per scarpe e vestiti vale per portafogli, borse, zaini, cellulare e chiavi che ogni giorno portiamo con noi fuori casa e che utilizziamo spesso con le mani sporche e che appoggiamo in giro per la città e che finiamo per appoggiare sul tavolo della cucina o sul letto una volta rientrati a casa. A tutti questi oggetti è meglio dedicare una zona circoscritta della casa e igienizzarli spesso in modo da ridurre la loro carica microbica.