La Pilosella, o Pelosella, è una pianta del Nord Europa dalle foglie ricoperte di delicata peluria e dal fiore giallo, simile a quello del Tarassaco. Conosciuta come uno dei più antichi rimedi fitoterapici e dotata di numerose proprietà, la Pilosella viene spesso utilizzata per la sua capacità diuretica e drenante che la rendono il perfetto alleato per combattere la ritenzione idrica e gli inestetismi che ne conseguono (come gambe gonfie e pesanti e la cellulite).

Questa capacità drenante si rivela utile anche per depurare l’organismo dalle tossine accumulate.

Pilosella: drenante per le gambe

In Estate, complice il gran caldo, molte persone accusano pesantezza e gonfiore alle gambe e ai piedi. Con l’aiuto della pilosella è possibile intervenire per ritrovare il benessere perduto.

Grazie al contenuto di triterpeni questo rimedio erboristico agisce a livello renale stimolando la produzione di urina (di cui riesce a raddoppiare il volume). Mentre la sua ricchezza in flavonoidi la rendono l’alleata ideale per combattere la cellulite, gli edemi dei piedi e le caviglie gonfie.

Per questo la pilosella è il rimedio ideale durante il periodo estivo per alleggerire il corpo dai liquidi in eccesso e ritrovare così la leggerezza.

Pilosella: diuretica, depurativa, anti-cellulite

Questa sua capacità diuretica le conferisce anche un’importante azione detox. L’eliminazione dei liquidi stagnanti e delle tossine attraverso la diuresi permette di evitare degenerazioni infiammatorie che possono portare allo sviluppo di cellulite. La presenza di polifenoli, tannini e flavonoidi le conferiscono attività antiinfiammatoria e di promozione della riparazione dei tessuti e svolgono un’azione protettiva del sistema circolatorio.

Questa capacità diuretica, drenante rendono la pilosella un rimedio molto efficace in presenza di cellulite diffusa su fianchi, glutei, gambe e braccia.

Questa azione detossificante si esplica anche attraverso la stimolazione dell’escrezione e del deflusso della bile, contribuendo così alla salute del fegato.

Pilosella: tonica-astringente

Infine i tannini e degli specifici flavonoidi concedono alla pilosella anche un potere tonico astringente. Agendo direttamente sulla struttura dei vasi questi aiutano a rafforzare il microcircolo e tonificare i capillari. In questo modo si riduce il rischio di una loro rottura, che è più elevato nella stagione calda, e diminuisce così il rischio di gonfiore e pesantezza agli arti inferiori.

Pilosella: come assumerla

La pilosella si può assumere come tintura madre, come infuso o attraverso l’uso di integratori.

Per fare un ottimo infuso basta mettere un cucchiaio raso di parti aeree di pilosella in infusione in una tazza di acqua bollente per 10 minuti. Dopo averlo filtrato è possibile berlo una volta al giorno lontano dai pasti.

Se si sceglie invece la tintura madre è consigliabile assumerla lontano dai pasti, due volte al giorno, diluendo 40 gocce in un bicchiere d’acqua.

Altrimenti è possibile utilizzare i preparati già pronti, spesso in vendita in associazione con altre erbe dal potere diuretico e drenante (come asparago, betulla e tè verde) che agiscono in modo sinergico per assicurare l’eliminazione dei liquidi in eccesso e ridurre il gonfiore.