La lattoferrina è una glicoproteina con azione antiinfiammatoria, antimicrobica e antifungina. Per queste sue caratteristiche è spesso utilizzata come integratore per innalzare le difese immunitarie dell’organismo contro diversi agenti patogeni. Vediamo nel dettaglio cos’è la lattoferrina, a cosa serve e perché se ne parla molto in questo periodo.

LATTOFERRINA: da dove arriva

La lattoferrina è una glicoproteina che, come suggerisce il nome, la si trova nel latte, sia materno che bovino. In particolare abbonda nel colostro, il latte che si forma nei primi giorni dopo il parto, che serve a fornire al neonato nutrienti e anticorpi.

La lattoferrina si trova anche nelle mucose, nelle lacrime e nei granulociti neutrofili, cellule del sistema immunitario che contrastano le infezioni batteriche e fungine.

LATTOFERRINA: a cosa serve

Negli ultimi 30 anni si sono susseguiti diversi studi sulla Lattoferrina, indagando diverse azioni:

  • Azione immunomodulatoria: alcune ricerche suggeriscono che la lattoferrina sia in grado di stimolare la crescita e la differenziazione dei linfociti T e di migliorare la salute della flora intestinale. Entrambi elementi di grande importanza nella lotta contro i patogeni. Inoltre la lattoferrina modula la secrezione di citochine infiammatorie migliorando la risposta immunitaria dell’organismo.
  • Azione Antiossidante: la lattoferrina ha una capacità di legare il ferro due volte superiore alla transferrina, la proteina adibita a trasportarlo nel torrente circolatorio. Grazie a questa sua caratteristica riduce il rischio che il ferro, facilmente coinvolto in reazioni ossido-riduttive, contribuisca alla formazione di specie ossidative molto reattive. Così facendo contrasta i danni causati dai radicali liberi e protegge le cellule dallo stress ossidativo.
  • Azione antimicrobica: la Lattoferrina è in grado di legarsi a diverse proteine sulle superfici delle membrane; questo meccanismo porterebbe a “nascondere” i microbi, impedendone l’ingresso nelle cellule e prevenendo così l’infezione. Questo permette di bloccare nelle prime fasi la diffusione e la replicazione dei patogeni nell’organismo. Inoltre sequestra il ferro, elemento essenziale per la crescita e la proliferazione dei microorganismi patogeni.

Perché integrare la LATTOFERRINA

La lattoferrina, resistendo all’azione proteolitica degli enzimi gastrici, si presta bene ad un’integrazione per via orale.

L’assunzione di integratori di lattoferrina può essere allora utile per le difese naturali dell’organismo, per proteggere contro virus e batteri, in particolare durante i cambi stagione o infezioni difficili da debellare o recidive.