Un gesto semplice come l’abbraccio porta tanti vantaggi alla nostra salute. L’esperienza emozionale positiva dell’abbraccio dà luogo a una serie di reazioni, fisiologiche e biochimiche, che migliorano il nostro umore e la nostra salute.

L’abbraccio è la principale dimostrazione d’affetto tra esseri umani. È il primo gesto che sperimentiamo quando veniamo al mondo, un modo semplice e diretto per trasmettere al neonato protezione e calore.

Nell’adulto poi, l’abbraccio diventa una vera e propria terapia, come evidenziano alcuni studi scientifici. Quando due persone si abbracciano avviene una sorta di sincronizzazione celebrale, i tracciati elettroencefalografici che inizialmente sono diversi, divengono via via analoghi, fino a sovrapporsi ed armonizzarsi, con ripercussioni positive sul benessere psicofisico.

I BENEFICI PER LA SALUTE

I ricercatori della Carnegie Mellon University hanno sottoposto più di 400 tra uomini e donne ad uno studio, proponendo loro di abbracciarsi ogni sera per 14 giorni. I risultati hanno dimostrato una diminuzione delle emozioni negative, e un aumento di quelle positive.

Gli studi hanno dimostrato 5 effetti positivi degli abbracci:

  • 1. Il rilascio di ossitocina, dopamina e serotonina: l’ossitocina, o ormone della felicità, diminuisce il livello degli ormoni dello stress (il cortisolo principalmente) che il corpo produce in risposta ad agenti che creano ansia, e ciò comporta l’abbassamento della pressione sanguigna. Un abbraccio è in grado di stimolare poi la produzione di dopamina, ovvero l’ormone del piacere, e la serotonina, responsabile del buon umore. Tutto questo ha conseguenze straordinarie sul sistema nervoso.
  • 2. L’abbassamento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca: l’abbraccio rappresenta un’apertura di cuore. Con un abbraccio calano pressione sanguigna e cortisolo, a beneficio del cuore e della circolazione sanguigna.
  • 3. Aumenta la produzione di endorfine, che rafforzano il sistema immunitario del corpo: facendoci sentire al sicuro e più forti, ne beneficia anche il nostro sistema immunitario, sottoposto ad un grande sforzo in questo periodo freddo dell’anno.
  • 4. Ringiovanimento assicurato: l’abbraccio svolge un ruolo importante nell’ossigenazione del sangue. A esser stimolata è la produzione di emoglobina, che trasporta ossigeno ai tessuti. Ricevendo energia, sono meno sottoposti a infiammazioni, a “incendi” interni dovuti ad accumulo di tossine o sbagliate abitudini alimentari.
  • 5. Permette di ridurre l’ansia, poiché allevia dalle paure esistenziali, e rafforza la nostra autostima: dare e ricevere un abbraccio ha un’influenza immediata sullo stato emotivo e sulla percezione del proprio valore. Un gesto gentile riesce a rafforzare il valore di sé, ed è stato dimostrato quanto benefico sia in termini di potenziamento dell’autostima. È importante quindi per diminuire l’ansia, ridurre lo stress e la depressione, allentare il nervosismo, per non sentirsi soli, per curare l’insonnia, per donare allegria.

REGALIAMO ABBRACCI

Immaginate dunque quanto importante sia abbracciare i bambini sin da piccolissimi e per lungo tempo. Ne beneficiano in termini di sviluppo delle competenze linguistiche e delle capacità mentali.

Esistono trattamenti chiamati “abbraccio-terapia”, che servono per trattare malattie depressive. La cosa più interessante è che questi effetti non si ottengono solo nel momento in cui ci si abbraccia, ma si prolungano anche dopo.

L’abbraccio è universale, come il bacio. Abbracciare vuol dire aprire delle possibilità, contenere, accettare, accogliere. Non è un caso che la psicoterapeuta statunitense Virginia Satir abbia scritto che 4 sono gli abbracci che ci servono per sopravvivere, 8 quelli per mantenerci in salute, 12 quelli per crescere.

Insomma, abbracciarsi fa bene a tutti, dai più piccoli ai più grandi. Godiamo di tutti questi effetti benefici, soprattutto in questo periodo dell’anno, circondati dalle persone a noi più care, regalando abbracci.