Secondo le più recenti ricerche scientifiche, il grasso addominale è molto pericoloso per la salute di cervello e cuore. È quindi importante prevenirne la formazione ed adottare uno stile di vita sano. Vediamo nello specifico cos’è il grasso addominale e come eliminarlo.

Cos’è il grasso addominale

Il grasso in eccesso può accumularsi sui fianchi, glutei e cosce (obesità ginoide), oppure sull’addome (obesità centrale o androide).

Il grasso addominale è un accumulo di adipe sotto i muscoli dell’addome, tra gli organi, per questo viene chiamato anche grasso viscerale. Rappresenta un pericolo per la salute, perché si comporta come un vero e proprio organo. È in grado di secernere ormoni e molecole che influenzano l’appetito, il rilascio di insulina e il metabolismo lipidico, oltre a creare uno stato infiammatorio diffuso nell’organismo.

Grasso addominale: perché si forma

Questo tipo di grasso si forma soprattutto a causa dell’eccessivo consumo di grassi e carboidrati. I carboidrati sono zuccheri che vengono assimilati dall’organismo e scomposti in glucosio. Un elevato consumo di carboidrati causa un aumento della glicemia (la quantità di glucosio nel sangue), con conseguente aumento della produzione di insulina da parte del pancreas, che conduce ad un rallentamento del metabolismo. Il glucosio in eccesso, che non può essere utilizzato subito, viene allora immagazzinato sotto forma di grasso, soprattutto addominale. Nello stesso momento, aumenta il contenuto di trigliceridi e quindi il rischio di sviluppare diabete o malattie cardiovascolari.

Un rischio per la salute

Per sapere quanto si è a rischio basta controllare la circonferenza della pancia. Il rischio aumenta per misure del punto vita pari o superiori a 95 cm nell’uomo, 80 cm nella donna. Questa misurazione è un importante segnale che aiuta a capire se si commettono errori alimentari o se si conduce una vita troppo sedentaria.
È evidente che ridurre il grasso addominale non è solo un problema estetico. È molto importante per mantenersi in salute e per ridurre il rischio di infarto, ictus, Alzheimer, diabete di tipo 2 e stati infiammatori diffusi. Ma eliminare il grasso addominale non è facile purtroppo.

Grasso addominale, come eliminarlo: alimentazione

La prima cosa da fare per combattere il grasso addominale è stare attenti alla propria alimentazione.

  • Da limitare il consumo di carni rosse, uova, formaggi stagionati ed affettati.
  • Da preferire gli alimenti che vengono metabolizzati attraverso un alto dispendio di energie: carni bianche, verdure di stagione e frutta.

È bene anche stimolare il proprio metabolismo attraverso il consumo di bevande termogeniche, come il tè ed il caffè, o consumando alimenti piccanti che agiscono innalzando la temperatura del corpo ed accelerando il metabolismo. Un esempio è il peperoncino che contiene la capsaicina, che aiuta il metabolismo e attiva la lipolisi.

Riguardo i carboidrati: meglio consumarli a colazione e pranzo. Da limitare a cena, quando l’organismo consuma di meno e accumula di più. Inoltre, alla farina raffinata meglio preferire quella integrale e i cereali in chicchi, come il farro e l’orzo. Evitare soprattutto pane bianco e pizza (ha il doppio delle calorie di un piatto di pasta).

Per mantenere un buon metabolismo si raccomanda di non saltare mai i pasti principali. Fondamentale la colazione e degli spuntini durante la giornata. Questo per raggiungere un buon senso di sazietà e perché più ci sono digestioni in atto, più l’organismo è stimolato a consumare energia.

Grasso addominale, come eliminarlo: esercizio fisico

Seconda cosa per combattere il grasso addominale è fare movimento. Praticando dello sport almeno due volte a settimana, auta ad aumentare il consumo calorico dell’organismo. È meglio scegliere un’attività aerobica da eseguire per almeno 30-45 minuti, come corsa, nuoto, cyclette o camminata veloce.

Per eliminare il grasso viscerale è bene però aggiungere esercizi mirati agli addominali bassi (non i crunches per gli addominali alti). Ad esempio, se non vi sono problematiche osteo-muscolari, è possibile distendersi supini ed eseguire l’alzata di gambe con ginocchia al petto.

Anche solo 10 minuti di questo esercizio per 3 volte a settimana aiuterà a ridurre il grasso addominale.

Grasso addominale: un aiuto dalla Natura

In caso di necessità è possibile affiancare alla dieta sana e all’esercizio fisico, anche degli integratori. La Natura ci viene in aiuto con sostanze naturali che favoriscono l’eliminazione del grasso addominale. Un esempio efficace è l’Alga Wakamè. Si tratta di un’alga bruna, fonte di fucoxantina, un carotenoide che promuove l’ossidazione dei grassi per produrre calore. In questo modo i grassi vengono “bruciati” e non accumulati sotto forma di adipe.